Accedi/Registrati

Ciotola

inventario: 14PM DECS
classe ceramica: Ingobbiate graffite
MISURE
Altezza: 6,4 cm
Diametro: 12,9 cm
spessore parete in frattura: 0,6 cm

Descrizione Ciotola frammentaria e lacunosa; vasca a calotta emisferica con orlo leggermente assottigliato e di poco rientrante; piede a disco piano (rifinito a mano); ingobbio solo all’interno. La vetrina riveste in maniera uniforme entrambi i lati, ad esclusione del fondo (di colore giallo ocra chiaro all’esterno; zone iridescenti sul lato esterno). La decorazione comprende una losanga a lati ricurvi al centro del cavo, con la parte centrale tagliata in croce; sulla parete, in corrispondenza dei lati curvi, foglie cuoriformi, desinenti a punta (o cuoriformi o di pioppo) e campite
alternatamente a bande oblique o con motivi a cresta. Sono visibili le tracce del treppiedi sul lato interno. Indizi di cottura eccessiva, o esposizione a temperatura troppo elevata, con parziale disfacimento del colore sono visibili all’interno del manufatto. Colori: giallo ferraccia/verde ramina. DecS con vetrina su entrambi i lati
Tipo/area/sito di rinvenimento: FE.01.P.MUN.US1050
Cronologia: terzo/ultimo quarto del XV sec.
Note: Ciotola frammentaria e lacunosa, ricomposta parzialmente con 10 frammenti originali combacianti reincollati e integrazioni.
crediti fotografici: Foto su concessione del MiBACT - Soprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia Romagna. Riproduzione vietata a scopo di lucro, anche indiretto. Per immagini ad alta risoluzione rivolgersi alla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna, sba-ero@beniculturali.it
Bibliografia: Forma: questa esemplare, con l’orlo leggermente assottigliato e appena introflesso, trova confronto con una ciotola dalla USM5 di S. Antonio in Polesine, GUARNIERI et al. 2006a, fig. 16.115, già pre-rinascimentale;
decoro: il motivo delle foglie cuoriformi, sia dislocate simmetricamente in corrispondenza dei quattro poli, al centro del cavo di forme aperte (pari a quattro foglie), sia nascenti da un unico fusto, sempre centrali (alternatamente tre o quattro foglie), ricorre con frequenza nella graffita tardiva e a decoro semplificato, vd. esempi dalla USM5, Ibid., tavv. XV.67, 69-71 (ArcTa), XX.102-103 (DecS) (tutte ff. aperte); da scavi nel Castello Estense, CORNELIO CASSAI 1995a, sc. 263 a p. 88, fig. 50 (p. 55) (dallo scarico verticale ricavato
nella torre di S. Giuliano, fase 1, tra il secondo-terzo quarto del XV-metà del XVI sec., CORNELIO CASSAI 1992, pp. 186-187, 190, fig. 3.6). In area veneta questo motivo è ben documentato dagli scavi di Torretta Veneta (Verona), anche nella disposizione cruciforme, Torretta 1986, pp. 150-152 passim, ma particolarm. n. 65, [dato a bottega veneta, fine XV-inizio XVI sec. (con retro non rivestito e graticcio anche graffito)]. Per questa declinazione, con losanga al centro, cfr. dalla US164 di piazzetta Castello, GELICHI 1992b, fig. 10.1, dalla USM5, GUARNIERI et al. 2006a, tav. XXI.110.

Soggetti correlati

Giacomo Cesaretti (lo ha documentato)

Collezioni correlate

Materiali ceramici di Piazza Municipio (è parte di)
Bookmark and Share