Accedi/Registrati

Ciotola

inventario: 12PM ARCTA
classe ceramica: Ingobbiate graffite
MISURE
Altezza: 6,3 cm
diametro (fondo): 5,9 cm
diametro (orlo): 13,5 cm
spessore parete in frattura: 0,5 cm

Descrizione Ciotola frammentaria e lacunosa; vasca emisferica leggermente ribassata, con bordo rientrante; orlo assottigliato; piede a disco piano; ingobbio interno,
all’esterno ricopre l’orlo. La vetrina è data sul lato interno, all’esterno arriva sino all’orlo. La decorazione mostra al centro del cavo una stella a quattro punte, entro cornice circolare; esternamente, sulle pareti, rombi tagliati in croce, suddivisi in scomparti delimitati da linee parallele. Traccia dell’appoggio del treppiedi nel cavo. Colori: giallo ferraccia/verde ramina. ArcTa con ingobbio e vetrina solo all’interno
Tipo/area/sito di rinvenimento: FE.01.P.MUN.US1050
Cronologia: seconda metà del XV sec.
Note: Ciotola frammentaria e lacunosa, ricostruita con 2 frammenti originali combacianti reincollati.
crediti fotografici: Foto su concessione del MiBACT - Soprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia Romagna. Riproduzione vietata a scopo di lucro, anche indiretto. Per immagini ad alta risoluzione rivolgersi alla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna, sba-ero@beniculturali.it
Bibliografia: Forma: un confronto utile è con una ciotola erratica conservata a Rimini, GELICHI 1984a, p. 207, n. 57, tav. XXX.57; inoltre, vd. una ciotola da scavi presso l’ex Monte di Pietà a Forlì, NEPOTI 2009a, fig. 135.50 (relativa ad un tipo ingobbiato monocromo); decoro: un analogo motivo a stella, tagliato da croce dipinta, è documentato su una ciotola dalla US164 di piazzetta Castello, GELICHI 1992b, fig. 10.4; la sola stella, invece, compare al centro del cavo di una forma aperta scarto di prima cottura, rinvenuta a Ferrara in via Boccaloene-via Capo delle Volte, GUARNIERI 1995b, fig. a p. 168. Vd. inoltre, l’erratico nel Museo di Belriguardo, Ferrara, Belriguardo 2006, p. 31, n. 50. A questi esemplari se aggiungono altri recuperati oltre i confini dell’Emilia Romagna: un catino dalla Rocca di Camporgiano (Lucca), REGGI 1974b, fig. 3; un frammento di forma aperta in monocromia verde da sterri a Treviso, BELLIENI 1990, p. 62 (fabbrica veneta,
prima metà del XV sec.) ed un pezzo proveniente da Revere (Mantova), Revere 1998, p. 56, con motivi lobati analoghi negli spazi di risulta entro il medaglione centrale (assegnato a fabbriche locali, metà/seconda metà del XV sec.).

Soggetti correlati

Giacomo Cesaretti (lo ha documentato)

Collezioni correlate

Materiali ceramici di Piazza Municipio (è parte di)
Bookmark and Share